Quattro minuti

Pubblicato il 15 Mar 2014 in Drammatico
Trailer

imm (6)L’ottantenne Traude Krüger si reca ogni giorno presso il carcere femminile di Lickau dove insegna a suonare il pianoforte a un numero sempre più esiguo di allieve. Il corso rischia di essere chiuso ma la donna, grazie anche alla solidarietà di un guardiano, riesce a convincere il direttore. Un giorno però sarà la stessa guardia carceraria, massacrata di botte da una detenuta, Jenny, a cambiare idea. Jenny è infatti in carcere accusata di omicidio. Ha uno straordinario talento per il piano ma è preda di crisi di violenza che la gettano nello sconforto. Traude, inizialmente diffidente nei suoi confronti, deciderà di insistere riuscendo, nonostante i vincoli burocratici e non posti dal personale del carcere, a portarla fino alle soglie di un Concorso per giovani pianisti. C’è però un altro ostacolo che pare insuperabile: Jenny ama svisceratamente l’hip hop col quale riesce ad esprimere sulla tastiera la sua creatività e la sua rabbia. Traude invece lo detesta.
I film sul rapporto insegnante-allievo/a in cui l’uno cerca di spingere l’altro a esprimere il suo talento grazie al rigore rischiano sempre di fare la stessa fine: conflitti, incomprensioni, progressi e poi il trionfo che fa contenti tutti. Non è così in 4 minuti dove la dinamica narrativa è molto più complessa e affronta direttamente non solo il tema dell’arte e di chi ne è dotato ma anche quelli, altrettanto importanti, dell’influsso di un passato il cui peso è difficile da portare e della rieducazione in ambito carcerario.
Traude e Jenny non sono due personaggi da “romanzo di formazione” trasposto sullo schermo. Sono due esseri reali (la sceneggiatura ha vinto nel 2004 un importante premio in Germania) fatti di nervi, di rigidità, di scarsi abbandoni e di improvvisa (per Jenny) quanto incontrollabile violenza. Sono due donne ferite nel profondo che cercano (l’una chiudendosi in un rigore quasi ottocentesco e l’altra cercando la regola della nessuna regola) una via d’uscita. Che passa anche attraverso il rifiuto dell’altro come persona. Come se fosse possibile insegnare e apprendere senza mettersi in relazione al di là della ‘tecnica’. Le due protagoniste saranno costrette reciprocamente a scoprirsi ad accettare pregi e difetti dell’altra (anche quelli che sembrano non emendabili). Solo così potranno dare un senso a una ‘rieducazione’ che dovrebbe essere lo scopo di ogni carcerazione e che invece molto (troppo) spesso non lo è. A dare corpo e nervi a Traude e Jenny Monica Bleitbtreu e Hannah Herzsprung. Attrice notissima in patria la prima e figlia d’arte la seconda costituiscono un’ulteriore prova del fatto che il cinema europeo esiste ed è in buona salute. Ma i nostri schermi parlano quasi solo americano (doppiato). Fonte Trama

Versione: DVDRip  Qualità: A.10 – V.10

Streaming:
Nowvideo: Parte 1Parte 2

Download:
Nowdownload: Parte 1Parte 2