Le avventure di Fiocco di Neve

Pubblicato il 13 Apr 2013 in Animazione


LeavventurediFioccodiNeveRimasto orfano dopo l’uccisione della madre, un piccolo gorilla bianco della Guinea equatoriale viene affidato allo Zoo di Barcellona, ma prima passa per un periodo di adattamento da casa di Paula, la figlia dodicenne di un primatologo, che ne fa il suo migliore amico e gli dà un nome: Fiocco di Neve. Una volta allo Zoo, però, nonostante il colore eccezionale del suo pelo attiri visitatori da tutto il mondo, il cucciolo ha seri problemi con la famiglia di gorilla che dovrebbe adottarlo e invece lo respinge, in quanto “diverso”. Pronto a tutto per essere accettato, Fiocco di Neve scappa in cerca dell’aiuto della Strega del Nord, senza sapere che l’odioso Luc De Sac vuole rapirlo per fare del suo cuore un amuleto contro la sfortuna che lo perseguita.
Il regista argentino Andrés G. Schaer fa squadra con il produttore spagnolo Julio Fernàndez per tradurre sullo schermo e romanzare la favola di uno degli animali più ammirati al mondo, a tutt’oggi l’unico esemplare albino della sua specie, scoperto in Africa il 1 ottobre del 1966 e trasferito realmente allo Zoo di Barcellona, del quale divenne il simbolo fino alla sua scomparsa, nel 2003.
La compresenza di live action e computer grafica e la ricostruzione coloratissima (e piuttosto infedele) degli anni Sessanta nella città spagnola, sono i punti di forza del film di Schaer, ma l’elenco si ferma qui, mentre la colonna dei difetti prosegue più lungamente.
Se non si può chiedere ad una produzione come questa lo sfarzo tecnico dei prodotti d’animazione americani, si dovrebbe chiederle invece, legittimamente, di non porsi nemmeno in competizione e di applicare tutte le proprie risorse nello sforzo creativo. Purtroppo, però, non è questa la strada scelta dalle Avventure di Fiocco di Neve, che dell’originalità del racconto, così come della lubrificazione di molte sue giunture, non si preoccupa sufficientemente, impegnato com’è a cercare ispirazione tra le offerte precotte (il panda rosso che si crede una pantera pare il bozzetto di un personaggio scartato dalla DreamWorks). Coerentemente, inoltre, il film fa del proprio tema –l’importanza della diversità e la ricchezza che ne deriva in termini di amicizia- l’unica nota della propria partitura, imponendo la lezione agli spettatori anziché lasciare che affiori come una conquista.
Per questi ed altri motivi, Fiocco di Neve si sbarazza da solo e non troppo furbamente di una fetta di pubblico ideale: di questo spettacolo approfitteranno con piacere i più piccoli, ma gli adulti possono tranquillamente attardarsi al bar dello zoo…

 

Prima Parte:

Seconda Parte:

 

Streaming:
NowVideo: Parte1Parte2
PutLocker: Parte1Parte2

Download:
LikeUpload: Parte1Parte2
NowDownload: Parte1Parte2